ELEONORA NELLI

Itinerari Classici

Ciascun tour proposto in questa pagina può essere effettuato singolarmente oppure combinato con altri, per esempio:

Walking Tour + Galleria degli Uffizi per un totale di 3 ore = Half Day
Walking Tour + Galleria dell'Accademia per un totale di 3 ore = Half Day
Walking Tour + Basilica di Santa Croce per un totale di 3 ore = Half Day

oppure:

Walking Tour di 3 ore + 2 musei a scelta in 3 ore per un totale complessivo di 6 ore = Full Day

Oltre agli itinerari proposti (che sono solo un esempio), sono a disposizione per tour personalizzati in modo da soddisfare tutte le vostre esigenze nel territorio di Firenze e provincia.

Walking Tour: Firenze, le sue origini e le curiosità

Walking Tour

Partendo da Piazza della Repubblica (antico centro della "Florentia" romana), faremo uno splendido giro alla scoperta del centro politico della città (piazza della Signoria, Uffizi, Ponte Vecchio), del centro religioso (Cattedrale di Santa Maria del Fiore, Battistero e Campanile di Giotto), e del cosiddetto "quartiere di Dante"con le case - torri della Firenze medievale.
Naturalmente questo classico giro città sarà arricchito da aneddoti e curiosità che vi stupiranno e renderanno unica la vostra esperienza a spasso nel tempo!

Questo itinerario può essere integrato con l'aggiunta di un museo a scelta (per esempio: walking tour + Galleria degli Uffizi per un totale di 3 ore = Half Day ; walking tour + Galleria dell'Accademia per un totale di 3 ore = Half Day; walking tour + basilica di Santa Croce per un totale di 3 ore = Half Day oppure: walking tour di 3 ore e 2 musei a scelta in 3 ore per un totale complessivo di 6 ore = Full Day)

Uffizi

Uffizi

L'edificio degli "Uffizi" nacque come sede degli uffici del ducato di Toscana, poi fu trasformato in galleria di sculture, dipinti e oggetti preziosi.

Da Giotto a Caravaggio passando per Botticelli, Leonardo, Raffaello e Tiziano: scopriremo insieme i capolavori che rendono questa galleria uno dei musei più importanti del mondo.
All'interno della Galleria degli Uffizi è conservato un quadro unico al mondo: il cosiddetto "Tondo Doni", il solo dipinto (su supporto mobile) giunto a noi di Michelangelo.

Galleria dell'Accademia (non solo il David di Michelangelo!)

David di Michelangelo

Visita della Galleria dell'Accademia.
La collezione della Galleria dell'Accademia fu costituita nel 1784 dal Granduca di Toscana Pietro Leopoldo che riunì precedenti raccolte di varie scuole d'arte ed istituì la nuova Accademia di Belle Arti.
Seguendo questo tour avrete modo di ammirare il famoso David di Michelangelo e altre sei sculture dello stesso artista: i quattro Schiavi (detti anche Prigioni, splendido esempio del "non finito" michelangiolesco), il San Matteo e la Pietà da Palestrina.
Il museo raccoglie inoltre una grande collezione di dipinti medievali e rinascimentali e, all'interno del Salone dell'Ottocento, molte sculture in gesso di Lorenzo Bartolini.

Galleria Palatina: le raccolte di tre dinastie

Palatina

All'interno della suggestiva cornice di palazzo Pitti, visita della Galleria Palatina, un tempo residenza dei personaggi della famiglia Medici, dei Lorena e dei Savoia.
La galleria conserva una grande collezione di dipinti di Raffaello e altri artisti (Tiziano, Rubens, Caravaggio), oltre a splendidi arredi.
Dalle sue finestre si può godere la vista dello stupendo giardino di Boboli, tanto amato da Cosimo I Medici e dai suoi successori.

Santa Croce: il tempio delle "itale glorie"

Santa Croce

Visita della splendida basilica francescana di Santa Croce, unica al mondo per le tombe e i monumenti funebri di italiani illustri citati anche da Foscolo nel carme "Dei sepolcri".
Potremo ammirare le caratteristiche forme gotiche della basilica (modificata nel corso dei secoli), i capolavori di Giotto (cappella Bardi, cappella Peruzzi, Polittico Baroncelli) e le cappelle trecentesche, i monumenti funebri (Dante) e le varie tipologie di tombe (dalle cosiddette "tombe terragne" alle tombe di Galileo Galilei e di Michelangelo).
La visita proseguirà con la Cappella Pazzi (capolavoro di Brunelleschi) e si concluderà nel Museo dell'Opera di Santa Croce con lo splendido Crocifisso di Cimabue, una delle vittime più illustri dell'alluvione del 4 novembre 1966, e il cenacolo di Taddeo Gaddi.

Palazzo Vecchio: i Medici come gli dei dell'Olimpo - visita dei Quartieri Monumentali

Palazzo Vecchio

Visita di Palazzo Vecchio o Palazzo della Signoria, centro politico della città dal Trecento fino ad oggi.
Realizzato su progetto di Arnolfo di Cambio alla fine del Duecento per accogliere i priori delle Arti, fu ampliato nel corso dei secoli per ospitare (dal 1540) Cosimo I Medici.
Dopo aver ammirato il Salone dei Cinquecento, si accede ai cosiddetti "Quartieri Monumentali" di Cosimo I e della moglie Eleonora da Toledo.
Il Quartiere degli Elementi celebra Cosimo I e la dinastia medicea attraverso le divinità mitologiche.
Alla fine del percorso, un capolavoro: la statua di Giuditta e Oloferne di Donatello, la cui copia si trova di fronte a Palazzo Vecchio.

I giardini più suggestivi di Firenze: Bardini e Boboli

Giardino Bardini

La visita inizia dal panoramico giardino Bardini che prende il nome dal famoso antiquario e collezionista Stefano Bardini.
Questo giardino offre una vista spettacolare su Firenze e le sue colline ed è incorniciato dalle mura trecentesche della città.
Il percorso prosegue costeggiando il Forte Belvedere per poi entrare nel meraviglioso giardino di Boboli, l' "orto de' Pitti" appartenuto poi alla famiglia Medici, ai Lorena, Elisa Baciocchi e infine ai Savoia.
Potrete ammirare l'anfiteatro, le fontane, il viottolone dei cipressi decorato da bellissime sculture e la Grotta Grande del Buontalenti.

Le Cappelle Medicee e la Chiesa di San Lorenzo

San Lorenzo

Visita del Museo delle Cappelle Medicee che comprende la Cappella dei Principi (con i monumenti funebri dei granduchi della famiglia Medici) e la Sacrestia Nuova di Michelangelo - commissionata dal Papa Leone X (Giovanni dè Medici) per rendere omaggio ai suoi predecessori - che contiene le famose sculture raffiguranti la Notte e il Giorno, il Crepuscolo e l'Aurora.
Il tour prosegue nella Basilica di San Lorenzo (una delle chiese più antiche di Firenze) con capolavori di Donatello, Bronzino e la Sacrestia Vecchia di Brunelleschi, meraviglioso esempio di arte del Rinascimento.

Il Museo Nazionale del Bargello

Bargello

Il Bargello è uno degli edifici pubblici più antichi di Firenze e fu costruito alla metà del tredicesimo secolo.
Divenne Museo Nazionale nel 1865 (quando Firenze diventò capitale d'Italia) ed è uno dei musei di scultura più importanti di Firenze.
Tra le sue collezioni sono presenti sculture di Michelangelo (David-Apollo, Bacco, Bruto, il Tondo Pitti), di Donatello ( David, Atys, San Giorgio, Marzocco) e Verrocchio.
Ci sono inoltre collezioni di avori, maioliche, oggetti della tradizione islamica, bronzi di varia provenienza e le famose terrecotte invetriate della bottega dei Della Robbia.

Museo Archeologico di Firenze

Museo Archeologico

Il Museo Archeologico Nazionale di Firenze è stato istituito nel 1870 dal re Vittorio Emanuele II durante il periodo in cui Firenze fu capitale d'Italia.
Fu trasferito nell'attuale sede (Palazzo della Crocetta) nel 1881.
In occasione della recente apertura della "Sala dei grandi bronzi" è possibile ammirare la Chimera insieme ad altri bronzi sapientemente restaurati.
Il museo raccoglie numerosi ed importanti reperti egizi (in Italia il Museo Egizio di Firenze è secondo solo a quello di Torino), etruschi (come la famosa Chimera di Arezzo del V - IV secolo a.C.), romani e greci (come lo splendido "vaso François").

Visita del Museo Civico Archeologico di Fiesole e dell'area archeologica

Fiesole

Visita del Museo Archeologico che raccoglie reperti di provenienza fiesolana dall'età preistorica (II millennio a.C.) fino all'età longobarda (VII secolo d.C.) e altomedievale (X secolo d.C.).

Visita dell'area archeologica che comprende il teatro romano (I secolo a.C./ I secolo d.C.), le terme romane, il tempio etrusco, il tempio romano e la necropoli longobarda.

© 2015 Eleonora Nelli | Design by Vanni Bacci